Massimo Terracini (1957 - 1995)
home

Il 20 Luglio di quest'anno sono ben dieci anni che siamo senza Massimo (e a febbraio 2006 saranno 10 di Patrizia). Max è stato mio amico, il mio fonico pilota (era sul palco con me e spesso mi nascondevo fisicamente dietro a lui - come in questa foto: io sono quell'ombra che suona il basso), la persona che in assoluto ha più spinto per portare in giro lo spettacolo RadioMantra/ RadioGladio (oltre ad aver mixato la canzone), il mio primo pubblico e critico, ma anche entusiasta. Ho trovato il coraggio di salire su un palco la prima volta (con qualcosa di totalmente mio) solo grazie al fatto che c'era Massimo a garantire la qualità tecnica - e non solo. Ha lasciato solo quando s'è accorto che le date si moltiplicavano, la sua salute già non andava (ma abbiamo saputo tutti quanti come stava solo due anni dopo), e solo dopo aver trovato ed istruito qualcuno sul complicatissimo spettacolo che portavamo in giro - l'ottimo Marco Rosano. Ero molto legato a Massimo, abbiamo diviso molto, e tutto quello che è successo da allora (per esempio l'esplosione di Internet) l'avrebbe certamente visto da dentro: a suonare col computer l'ho imparato da lui.

Spiegare chi era Massimo non è semplice: era una persona profondamente politica, anche negli ultimi mesi di vita; era un eccellente professionista del suono, che cercava davvero di capire cos'avevi in mente. Era uno che non faceva sconti a nessuno e sapeva anche riconoscere la bellezza negli altri. Si godeva la vita per bene, il vecchio Max (aveva due anni più di me), e sapeva farlo con perizia, bravo pure in questo.

SM, febbraio 2005

Marzo 05: Mi arriva questo testo di Marco Solari, amico e collaboratore di Massimo:

Era un mio assolo con la colonna sonora di Paolo Modugno, per l'esattezza.. (ascolta la versione mp3 letta da Marco)

QUESTO E' IL CANTO DELLA DECENZA E DELL'INDECENZA - - -

- - - dello scandalo e della vergogna
del cuore sicuro
del desiderio duro
di mettere un freno
di volere l'azione
e non voler perdonare
la tracotanza, la violenza,
il male, insomma,
e non saper come fare.

Questo è il canto della nostalgia
e della mancanza
della perdita di un amico
di un compagno
per la parola di Massimo
per la sua intransigenza gentile
per il suo stile civile
per il gusto del dovere
e del diritto,
nel rovescio della sorte
e della morte,
per l'ironica eleganza
e ancora intransigenza
nel combattere l'evidenza
della volgarità
e del dolore.
Questo è il canto per Patrizia,
un canto di coraggio e di tristezza
per non lasciarsi andare
per non lasciarsi soffocare
per non farsi prendere
dagli dèi senza speranza,
dèi senza futuro,
dèi della porta e del muro,
dèi delle pecore nere,
dèi delle stelle opache,
dèi delle parole annegate.

Da Il Canto delle Balene, 1996

 

vedi anche:

Il Movimento del 77, l'occupazione di via dell'Orso a Roma e gli IM.

Ancora su Oask! e gli IM.

Il Movimento del 77: l’ultima avanguardia dal blog di Carlo Infante